Cyberpunk di ieri e di oggi

Il Cyberpunk, genere artistico nato ad inizio anni ‘80, ha influenzato pesantemente, nel bene e nel male, consciamente o inconsciamente, il modo in cui ci rapportiamo alla tecnologia e ai suoi impatti sociali. Una critica al neo-liberismo che in quegli anni iniziava ad affermarsi come ideologia dominante nell’Occidente ma anche un tentativo di esorcizzare la paura della perdità di centralità del mondo anglosassone in favore delle nascenti potenze asiatiche, il Cyberpunk incorpora una critica al libero mercato e all’autoritarismo in cui la tecnologia è sia strumento di oppressione da parte di corporation e regimi autoritari che di liberazione. La tecnologia come fonte di potere da padroneggiare che permette agli eroi-hacker di sovvertire le relazioni sociali di potere tramite una maggiore conoscenza dei sistemi digitali su cui i sistemi oppressivi sono costruiti.

Una visione parziale e idealistica della tecnologia e del ruolo che ha nei processi sociali, allineata con quella della Californian Ideology, tema del nostro ultimo gruppo di studio.

Materiali:

The Cultural Significance of Cyberpunk

Cyberpunk - Antologia di testi politici - a cura di Raf Valvola Scelsi - I seguenti testi: Mela al Cianuro, Cyberpunk!, Computerfreaks

2017 and the Rebirth of Cyberpunk

Materiali OPZIONALI:

VA-11 Hall-A

Altered Carbon - Stagione 1

Blade Runner

Parlare della fine del mondo con William Gibson

Location

L'incontro si terrà online su Jitsi. Password: tidabliucì

Ringraziamo Dyne.org per l'host.

Vi ricordiamo inoltre che Jitsi può essere utilizzato comodamente da mobile tramite l'app scaricabile dal sito di Jitsi.org.

Unisciti coi link che puoi trovare a fondo pagina alla nostra chat o canale Telegram, oppure al gruppo Facebook, per rimanere aggiornato su eventuali novità relative agli eventi.

Partecipa